Asia, viaggio nelle città meno battute

Kamakura, botti di sake © Fotografia di Enrico Pirola

Pubblicità

Non sono sulla cresta dell'onda come Kuala Lumpur o Shanghai, il loro nome quasi mai compare nelle agende degli uomini d'affari e nemmeno in quelle dei turisti internazionali. Però raccontano un'Asia che forse non sai e per questo meritano di essere scoperte. Per la seconda parte, clicca qui.

Asia, viaggio nelle città meno battute

ALMATY, KAZAKISTAN

Se pensi che il Kazakistan sia solo steppe polverose e città industriali cadenti, questo è il posto in cui ricrederti. Almaty è così cosmopolita ed europea che si ha l'impressione di trovarsi in qualche zona emergente di Londra. Setaccia mercati di ogni genere, pavoneggiati nei begli alberghi vecchio stile, pattina sul ghiaccio o scia sulle migliori piste dell'Asia centrale.

La cosa più pazza di Almaty? La pianta dell'aeroporto internazionale ricalca la forma di un copricapo reale kazako.

DHAKA, BANGLADESH

L'esatto opposto di una città ordinata e tranquilla. Qui a Dhaka la dura e contagiosa energia dell'imperante degrado urbano e lo sviluppo moderno si scontrano con i problemi di tutti i giorni, dando vita a una delle città con più alta concentrazione urbana del mondo

Il bello è che non ti ci vorrà molto per ambientarti. La frenetica ed efficiente rete di autobus, treni e risciò ti porterà ai principali punti d'interesse, come la Città Vecchia e il forte di Lalbagh, lungo l'ampio fiume Buriganga.

PHETCHABURI, THAILANDIA

La maggior parte dei turisti fa una veloce puntata a Phetchaburi (più spesso chiamata Phetburi) da Bangkok o la vede di sfuggita dai finestrini di un autobus o di un treno diretto a sud. I veri viaggiatori, invece, sanno che merita un approccio più rilassato, perché è una città interessante e ricca di storia.

Il consiglio è fare una degustazione completa degli squisiti dolci tipici e poi di smaltire salendo in cima alla collina per visitare i palazzi reali o meditare nel santuario buddhista delle grotte di Khao Luang.

KAMAKURA, GIAPPONE

Uno dei vantaggi non secondari di questa perla giapponese è che si può visitare in giornata da Tokyo. Meno affollata di Nikkō, altra meta molto amata vicino alla capitale, Kamakura è poco nota ai viaggiatori occidentali e quasi mai affollata. Soprattutto se eviterai di venirci nei fine settimana o nel periodo di vacanze dei giapponesi.

Capitale del paese per quasi duecento anni (tra XII e XIII secolo) è una base perfetta per una visita agli straordinari templi circostanti. L'esperienza da non perdere, però, è il Sentiero del Ten-en. Si snoda nella campagna per circa due ore, attraverso uno dei paesaggi più belli della prefettura di Kanagawa.

LUÒYÁNG, CINA

Un volantino che troverai al Museo di Luòyáng dice: "Questo è stato il centro del mondo fin dai tempi più antichi... una perla splendente". Modestia a parte, c'è del vero. Questa città di 1,4 milioni di abitanti dell'Hénán ha ospitato 13 dinastie prima di passare il testimone e conta ben 1300 templi buddhisti.

A uno sguardo frettoloso sembra una delle tante moderne città cinesi, soffocata dall'inquinamento. E invece, a parte l'antico blasone, ha un'attrattiva da non perdere, una di quelle che valgono il viaggio. Parliamo delle Grotte di Longmén, sulle sponde del fiume Yi, ancora oggi un riferimento di culto per i buddhisti cinesi.