America Centrale: un grande viaggio

Pubblicità

Costa Rica, Panamà, Guatemala: tutti i colori del mondo in un'avventura in Centro America.

Una grande avventura

L'America Centrale è un ponte tra due realtà molto diverse, due mondi con economie, storie, visioni apparentemente inconciliabili. E i ponti tanto significativi, si sa, sono spesso luoghi da non perdere. Un viaggio tra Costa Rica, Guatemala e Panamá può rivelarsi una straordinaria avventura. Colori incredibili, flora e fauna indimenticabili, città brulicanti di umanità: pura vita. Ecco ccosa troverete in Centro America.

Costa Rica, straordinaria biodiversità

Il Costa Rica accoglie una biodiversità superiore a Europa e Stati Uniti messi insieme. E se ciò non bastasse, ci pensano le dimensioni contenute del territorio, facile da esplorare e da conoscere, a rendere questo paese dell'America centrale una delle mete preferite dai viaggiatori. Con 615 specie ogni 10.000 kmq di territorio il Costa Rica è al primo posto nella classifica della biodiversità. Per molti naturalisti, l'interesse principale è costituito dagli uccelli. Ne sono state osservate 850 specie, molte più di quanto se ne trovino in aree più vaste, come il Nord America o l'Europa. Non sarà difficile avvistare esemplari di ara macao (pappagalli dal piumaggio rosso scarlatto) e gli iridescenti campilotteri violetti (della famiglia dei colibrì). Ma la star dell'avifauna costaricense è il quetzal, un uccello della famiglia dei trogonidi, lungo circa 40 cm. Segni di riconoscimento: il ciuffo di penne su tutto il capo, la lunghissima coda che può superare gli 80 cm e il piumaggio verde dai riflessi dorati. Il luogo migliore in cui avvistarlo è il Parque Nacional Los Quetzales, nel Costa Rica meridionale. Se amate l'avventura datevi al rafting, qui troverete molti corsi d'acqua adatti: provate il Pacuare, il Reventazón e il Saprapiquí sono divertenti, hanno rapide dal II al V grado e tratti con acque tranquille lungo i quali ammirerete la giunga lussureggiante che circonda le gole dei fiumi.

Il Guatemala con i suoi vulcani

Del Guatemala vi innamorerete presto. Per gli spettacolari paesaggi di giungle e vulcani certamente, e per i piccoli shock culturali che vi capiterà di vivere (vedrete presto donne vestite in abiti tradizionali maya usare i modelli più recenti di cellulari). Ma dopo qualche giorno a conquistarvi sarà soprattutto lo spirito dei guatemaltechi. Qui domina l'idea che sono le cose semplici a dare valore all'esistenza: un pasto insieme alla famiglia per esempio o una serata in compagnia degli amici più cari. In Guatemala un viaggiatore può trovare ciò che cerca senza difficoltà: storia, cultura, bellezze naturali e coloniali. Un consiglio? Imparate un po' di spagnolo prima della partenza e dopo il vostro arrivo, i gvostri sforzi saranno apprezzati. Attenzione però, se avrete bisogno di un'informazione sappiate che molte donne maya evitano i contatti con  gli uomini stranieri perché secondo la loro cultura non è decoroso parlare con gli estranei. Contrattare sul prezzo di ogni cosa è invece una sorta di passatempo nazionale in Guatemala, qui tutto è negoziabile: dalle banane alle multe. Contrattate sempre nei mercati e con i tassisti avendo cura soltanto d'evitare di farlo nei piccoli negozi o al ristorante. I pagamenti in dollari sono accettati praticamente ovunque ma se userete i quetzal (avendo cura di mantenere una riserva in dollari per le emergenze), risparmierete un po'. I vulcani, considerati sacri dai maya e parte integrante della storia del paese, dominano il paesaggio nella regione occidentale e costituiscono uno dei suoi emblemi. Potete ammirarne la bellezza in tutta comodità da un caffè di Antigua o sul Lago de Atitlán, oppure fare un'esperienza più ravvicinata scalandone (almeno) uno. Tra i più spettacolari figurano il Pacaya, con le sue colate laviche, il San Pedro che offre una vista panoramica sul meraviglioso Lago de Atitlán e il Tajumulco, la vetta più alta dell'America centrale (4220 m). 

Panamá, estate senza fine

Isole deserte e rilassanti atmosfere caraibiche da una parte, incredibili onde da cavalcare dall'altra: il Panamá offre il meglio della vita da spiaggia. Entrando in acqua, poi, si apre uno scenario completamente nuovo. Scopritelo immergendovi tra gli squali balena del Pacifico, facendo snorkelling nelle barriere coralline di Bocas del Toro o veleggiando nel territorio nativo  di Guna Yala, sulle cui isolette incontaminate non troverete nessuno, o quasi. Dal canto loro, i surfisti saranno felicissimi di avere tutte per sé le straordinarie onde del litorale opposto. In Panamà la natura è tutta da scoprire. Esplorate le rovine dei forti spagnoli sulla costa caraibica o spingetevi nel cuore di un territorio nativo a bordo di una canoa scavata in un tronco d'albero. L'incontro con la fauna locale avverrà per caso: un quetzal splendente lungo un sentiero degli altopiani, vivacissime scimmie urlatrici fuori dal vostro bungalow o una balena che, affiorando dall'acqua, trasforma la vostra uscita in barca in un'avventura adrenalinica. Potrete scivolare lungo una zip-line nella foresta pluviale, nuotare tra le tartarughe di mare o fare trekking in una foresta nebulare. È chiaro: un piccolo paese tropicale con due lunghissime coste equivale a un immenso parco giochi...