Alentejo: a cena nella terra della tradizione portoghese

Vongole e maiale insieme nella Carne de porco à Alentejana © REDAV / Shutterstock

Pubblicità

L’Alentejo è una delle più grandi e meno conosciute destinazioni gastronomiche del mondo. Vi si trovano splendidi vigneti, uliveti e fattorie, che ne fanno per molti versi l’anima culinaria del Portogallo.

Terra e tradizione

La regione produce metà del vino nazionale e qui vengono preparati i piatti più famosi del paese. Vi trovate anche alcuni dei ristoranti più autentici – locali in cui si celebrano le antiche ricette e il profondo legame dell’Alentejo con la terra. Siete pronti per scoprire il sud del Portogallo?

Tesori culinari

Le Migas: briciole di pane preparate con olio d’oliva, aglio e acqua calda - spesso accompagnano la carne. © Natalia Mylova / Shutterstock

Le specialità regionali vanno oltre le portate principali e gli antipasti. In molte città e villaggi dell’Alentejo si preparano paste e dolci squisiti, in varianti che non troverete altrove. Vuole la tradizione che siano state le religiose dei conventi le prime a preparare questi dolci, a cominciare dal XV secolo. Le ricette si sono tramandate di generazione in generazione, custodite come segreti in ogni monastero. Ancora oggi sono le suore a preparare alcuni dei dolci migliori, che sono conosciuti un po’ ovunque come doces conventuais (dolcezze del convento).

Anche Portalegre merita una menzione speciale, perché qui in città tutti amano le paste, soprattutto i religiosi dell’ordine monastico che continua a prapararle. Ogni primavera, la città ospita la Fiera del dolce del convento (facebook.com/feiradocariaconventualportalegre), durante la quale avrete tre giorni per indulgere nelle più squisite tentazioni (a fine marzo).    

Dessert paradisiaci

La tradizionale pasticceria in vendita a Évora © Regis St. Louis / Lonely Planet

Le specialità regionali vanno oltre le portate principali e gli antipasti. In molte città e villaggi dell’Alentejo si preparano paste e dolci squisiti, in varianti che non troverete altrove. Vuole la tradizione che siano state le religiose dei conventi le prime a preparare questi dolci, a cominciare dal XV secolo. Le ricette si sono tramandate di generazione in generazione, custodite come segreti in ogni monastero. Ancora oggi sono le suore a preparare alcuni dei dolci migliori, che sono conosciuti un po’ ovunque come doces conventuais (dolcezze del convento).

Évora, potrete gustare la perfezione spirituale della Pastelaria Conventual Pão de Rala.

Questa classica pasticceria rivestita di maioliche serve alcune ‘peccaminose’ tentazioni, compresa la tipica pão de rala, una torta di mandorle, tuorli d’uova e scorze di limone.

In Alentejo non dovrete fare molta strada per trovare la sericaia, un dolce a base di uova, zucchero e cannella. È famosa in tutta la regione, ma è soprattutto la gioia e l’orgoglio della città di Elvas, dove è stata inventata, e dove la si gusta nella sua preparazione migliore. 

Anche Portalegre merita una menzione speciale, perché qui in città tutti amano le paste, soprattutto i religiosi dell’ordine monastico che continua a prapararle. Ogni primavera, la città ospita la Fiera del dolce del convento (facebook.com/feiradocariaconventualportalegre), durante la quale avrete tre giorni per indulgere nelle più squisite tentazioni (a fine marzo).    

Viaggi del vino

Luoghi come Évoramonte sono circondati da ulivi e vigneti © Regis St. Louis / Lonely Planet

Un po’ come la cucina portoghese, i vini dell’Alentejo sono ancora poco conosciuti fuori del paese. Questo rede il viaggio ancora più interessante. Qui troverete vini eccezionali, con una varietà di rossi corposi e bianchi amabili ed equilibrati, distribuiti nelle otto regioni del vino locale.

Un buon posto per iniziare il viaggio è Évora, col suo centro informazioni e con la vineria della Rota dos Vinhos do Alentejo (Strada del vino dell’Alentejo). Qui degusterete molti vini, vi munirete di cartine e raccoglierete informazioni sulle cantine vicine aperte per la degustazione.

Se il tempo è poco, puntate sulla Herdade do Esporão. Subito a sud del piccolo villaggio di Reguengos de Monsaraz, questa notevole cantina coltiva oltre 40 vitigni su 700 ettari. Fermatevi per una degustazione o, meglio ancora, prenotate al loro ristorante. Lo chef Pedro Pena Bastos predilige la cucina stagionale a base di prodotti locali. Piatti come l’agnello dell’Alentejo cotto nel latte di pecora e accompagnato da cavolini di Bruxelles e da una bottiglia di Esporão Reserve, un vino ben strutturato, sono la specialità della casa. Naturalmente, quando si cena qui il vino scorre copioso.    

Destinazione cena

La spettacolare costa dell’Alentejo vuol dire anche un menu ricco di pesce © Regis St. Louis / Lonely Planet

Mangiare in Alentejo non significa solo apprezzare ottimo cibo e grandi vini. Anche la location vuole la sua parte. Se desiderate allontanarvi dalle rotte più battute, troverete alcune opzioni fantastiche: piccoli ristoranti a conduzione famigliare nascosti nei vicoli di borghi medievali, sale da pranzo in pietra abbarbicate su crinali avvolti dalla nebbia, graziose taverne dove la gente del posto banchetta col bacalhau (baccalà) e dove il vino è spillato direttamente dalla botte.

Nel borgo medievale di Monsaraz, l’accogliente Dona Isabel del Sabores de Monsaraz si è guadagnata un bel seguito col suo contagioso senso dell’umorismo, la cucina intrigante e la sala da pranzo in stile rustico affacciata sulle colline. Ogni piatto ha ingredienti di alta qualità ed è preparato con infinita cura. Le sostanziose portate di bacalhau dourado (merluzzo, uova e patate) sono giustamente celebri e vi consiglio di farli seguire da una porzione di sericaia (crema di uova e zucchero di prugne) per dessert.

Un po’ nascosto nei vicoli labirintici del quartiere Mouraria di Évora, la piccola Botequim da Mouraria (ha solo nove coperti) vi farà cenare in un’atmosfera raccolta con i piatti preparati dalla coppia che gestisce il locale. Il cordialissimo Senhor Domingos intrattiene gli ospiti e fa da sommelier suggerendo spunti per il menù, che cambia ogni giorno. Sua moglie Florbela resta dietro le quinte a preparare magnifici piatti di porco preto e altre squisitezze dell’Alentejo.

L’Alentejo ha solo un breve tratto di costa, ma è meraviglioso. Immaginate deliziose spiagge, sentieri sulle scogliere e, cosa più importante, meravigliosi piatti di pesce. Vila Nova de Milfontes vi offre tutto questo, compreso il celebrato ristorante Tasca do Celso. È un locale pieno di atmosfera, con una cantina fornita e un focolare scoppiettante nel bel mezzo. Serve eccellenti specialità regionali e il pesce migliore che possiate trovare nel raggio di molti chilometri.