Registrati

Articoli

18 ottobre 2010

Africa orientale: il grande viaggio nelle terre swahili

Uganda, aria di festa © Davide Gasparetti

I safari non sono la sua unica attrattiva: l'Africa orientale offre molto altro. Inizia il viaggio da Nairobi, ottima base grazie al buon numero di collegamenti aerei, e regalati il piacere della scoperta tra riserve naturali, Montagne della Luna e spiagge tropicali.

Forse il modo migliore per entrare in contatto con la famosa fauna dell'Africa orientale è visitare a piedi l'Hell's Gate National Park, in Kenya. Un altro sistema per sgranchirsi le gambe è affrontare le valli, i dirupi e le vette scoscese del Monte Kenya, che pur essendo 696 metri più basso del Kilimanjaro, per i trekking è una delle montagne più belle e gratificanti dell'Africa orientale.

Con un fuoristrada robusto si può poi percorrere un circuito dal Monte Kenya verso nord per visitare la Samburu National Reserve e il magnifico Lago Turkana.

Dal Kenya, entra in Uganda, a ovest, e fai rafting sul Nilo vicino a Jinja. Bagnato fino al midollo, prosegui verso ovest fino a Kampala, dove nella ressa del parcheggio degli autobus sarai strizzato e asciugato del tutto.

A dieci minuti dalla frenetica vita notturna di Kampala ti bagnerai di nuovo, ma questa volta di sudore. Se i ghiacciai e le vette del Monte Kenya non ti sono bastati, sali sulle Montagne della Luna (Rwenzori Mountains) dell'Uganda occidentale.

Altre alture e altre emozioni ti aspettano in Ruanda, dove potrai stare a pochi metri dai rari gorilla di montagna sulle pendici dei vulcani Virunga nel Parc National des Volcans. La visita ai tristi monumenti del genocidio ti riporterà bruscamente alla realtà.

Se non ami viaggiare in paesi in cui vigono fragili accordi di pace, la tua meta successiva sarà la Tanzania. I più intrepidi forse vorranno invece cogliere l'occasione di scoprire il Burundi, recentemente uscito da una lunga guerra civile. Questo paese offre una vivace capitale, Bujumbura, e splendide spiagge tropicali in riva al Lago Tanganyika.

Da Bujumbura, entra in Tanzania e scendi lungo le sponde del Lago Tanganyika. Con questo itinerario potrai accedere alla regione della Tanzania occidentale, poco visitata, e ai Monti Mahale, che ospitano una popolazione di scimpanzé.

Attraversando la Tanzania verso est, sarebbe una follia perdersi le celebri pianure del Serengeti, che ogni anno fanno da scenario alla straordinaria migrazione di massa degli gnu. Altri luoghi da non perdere sono il cratere del Ngorongoro e il Kilimanjaro, la montagna più alta dell'Africa.

Dopo una breve tappa a Dar es Salaam, raggiungi l'isola di Zanzibar, nell'Oceano Indiano. Che tu scelga di oziare sulla sue spiagge bianche, di goderti le sue acque turchesi o di perderti fra le ombre di Stone Town, Zanzibar è magnifica.

Torna poi in Kenya allo storico porto di Mombasa, dove potrai andare a zonzo fra le strette vie della città vecchia e goderti la tranquilla e rilassata atmosfera swahili.

Termina il viaggio prendendo il treno Mombasa-Nairobi e rientrando, in puro stile coloniale, al luogo da cui sei partito tre o quattro mesi prima.