Registrati

Articoli

08 febbraio 2010

Aeroporti: i dieci migliori del mondo - 2° parte

Vancouver, veduta "aerospaziale" © Fotografia di Christian Mariotti

Da Monaco di Baviera a Seul, continua il nostro viaggio tra le meraviglie degli aeroporti internazionali. In questa seconda parte della top ten ti aspettano totem, piste mozzafiato e dotazioni tecnologiche che ti faranno pensare: "Ho viaggiato solo nello spazio o anche nel tempo?".

VANCOUVER INTERNATIONAL AIRPORT (YVR)
Quando Charles Lindbergh fece il suo celebre tour aereo del Nord America, Vancouver rimase nell'ombra per il semplice motivo che non era dotata di una pista di atterraggio. Per superare il complesso di inferiorità, nel 1927 la città costruì il suo primo aeroporto e lo fece in modo da non temere rivali. Lo standard elevato è stato mantenuto negli anni e oggi il Vancouver International è forse l'unico scalo del mondo che si avvalga di un curatore artistico dedicato. La collezione di arte indigena di questo aeroporto è una delle più ampie del mondo.

Il nostro consiglio: terra, mare e cielo sono i temi ispiratori del YVR Art Foundation, esposizione che comprende anche le opere di giovani talenti locali.
>> Destinazione: Vancouver

JUANCHO E YRAUSQUIN AIRPORT (SAB)
L'isola vulcanica di Saba affiora dal nulla nelle acque cristalline dei Caraibi. Qui si trova la pista di atterraggio più piccola del mondo, appena 400 metri. I voli collegano questo paradiso di sabbia e arbusti ai vicini paesi caraibici. Non fai in tempo a capire come si pronuncia il nome dello scalo che già ti trovi in un'altra isola. Gli aerei non decollano esattamente dalla pista: la striscia di asfalto termina all'improvviso e i piloti compiono la prodezza di lanciare l'aereo dall'estremità di una scogliera. Non ti preoccupare, perché il cocktail-bar nella sala di attesa ti darà una mano a contenere l'ansia.

Il nostro consiglio: scopri Saba con il brivido scegliendo una delle escursioni della Winward Island Airways. Voli in partenza da Sint Maarten, Sint Eustatius e Nevis.
>> Destinazione: Saba

HONG KONG INTERNATIONAL AIRPORT (HKG)
Dopo aver passato decenni a sfiorare i grattacieli, finalmente i piloti possono tirare un sospiro di sollievo. Hong Kong ha deciso di spostare l'aeroporto lontano dal centro cittadino, su un'isola dedicata. Se ami il brivido, però, puoi sempre rifarti nella PlayStation zone dello scalo o nell'avveniristico cinema in 4D. Questa oasi high-tech è uno dei tre aeroporti del mondo ad aver ricevuto le prestigiose 5 stelle della classifica di Skytrax, società britannica che monitora la qualità degli scali aerei. Gli altri due sono il Changi di Singapore e l'Incheon International di Seul. Non è un caso se sono tutti e tre nella nostra top list.

Il nostro consiglio: metti alla prova le tue doti di pilota con il simulatore di volo dell'Aviation Discovery Centre del Terminal 2.
>> Destinazione: Hong Kong

INCHEON INTERNATIONAL AIRPORT (ICN)
Molto di più del solito scalo asiatico: l'Incheon spicca per la sua straordinaria dotazione tecnica. Inaugurato nel 2001 per rendere Seul (che dista appena 30 minuti) ancora più competitiva nell'area del Pacifico, pare proprio che abbia raggiunto l'obiettivo. L'ICN è perfetto per chi viaggia per affari ed è pronto a coccolare il business man che c'è in te con sale conferenza, dispositivi multimediali, sale VIP e una rete invisibile ma efficientissima di Wi-Fi.

Il nostro consiglio: l'ICN non è solo lavoro. Al terminal 4F ti aspetta il Korean Culture Center con esposizioni dedicate alla musica e alla cultura coreana.
>> Destinazione: Seul

AEROPORTO DI MONACO (MUC)
Fiore all'occhiello dell'efficienza teutonica, l'aeroporto di Monaco è così fiero di sé da offrire visite guidate delle proprie mirabolanti dotazioni. Se hai del tempo tra un volo e l'altro, non perdere una delle proiezioni del cinema gratuito, tutte rigorosamente dedicate a film con temi aeronautici. Il MUC non significa solo severità germanica: sa divertire il bambino che c'è in te con la pista da mini-golf di 18 buche e con la piattaforma panoramica dalla quale potrai ammirare i grandi aerei che scaldano i motori sulla pista.

Il nostro consiglio: i collegamenti con la città sono davvero efficienti. I convogli del treno S1 partono ogni 10 minuti e ti portano dritto al cuore di Monaco in 45 minuti, non uno di più, non uno di meno.
>> Destinazione: Monaco