Oltre l'Acropoli: guida ai dintorni di Atene

Pubblicità

Dall'iconica Acropoli che incombe maestosa sulla città alle affascinanti piazze dei vari quartieri, dalle gallerie d’arte moderna ai bar più frequentati, Atene è un delizioso e bizzarro mix di passato e presente, sempre in fermento. Chi la visita è sicuramente colpito dagli antichi monumenti avvolti dalla celebre luce attica, ma è la vitalità di Atene, contagiosa e creativa, che vi farà innamorare e animerà le vostre giornate.

Dopo aver visitato le meraviglie del passato, viene il momento per sperimentare la “local life” dei diversi quartieri. Questo nostro articolo vi condurrà dal trambusto del centro fino alla quiete delle aree residenziali, ai loro caffè ombrosi, ai migliori ristoranti, ai negozi per lo shopping amati dalla gente del posto, alle gallerie e ai bar.

Monastiráki e Psyrri

L’affollata piazza centrale di Monastiráki si apre sul mercato delle pulci, in un dedalo di vecchi negozi perfetto per osservare le persone. A sud, l’Antica Agorà (il luogo di ritrovo originario della città) resta un meraviglioso sito da esplorare. Subito a nord di Monastiráki si trova Psyrrí, con i suoi edifici dalle facciate segnate dal tempo, ma anche con i suoi ristoranti e bar, che sorgono accanto a magazzini e botteghe.

Mattina: iniziate la giornata passeggiando per l’Antica Agorà ed esaminando i manufatti dal valore inestimabile conservati nell’ottimo museo ospitato dalla Stoá di Attalo. Tempo permettendo, osservate la Torre dei Venti dell’Agorà di epoca romana, con le sue elaborate sculture. 

Pomeriggio: fate sosta per il pranzo lungo Odos Adrianou, da Kuzina o in uno degli innumerevoli altri locali, o portatevi al Café Avyssinia (http://www.lonelyplanetitalia.it/destinazioni/grecia/atene/ristoranti/cafe-avyssinia) per ammirare vedute dell’Acropoli e tutta l’eleganza del mondo antico. Poi tornate al mercato delle pulci di Monastiráki per comprare qualche souvenir nell’intricato dedalo di negozi, o fate un salto a Spiliopoulos a caccia di oggetti di design e fermatevi da Olgianna Melissinos per acquistare sandali artigianali e articoli in pelle. 

Sera: chiudete la giornata da Magaze per un aperitivo, poi scegliete tra una cena accompagnata da buona musica da Akordeon o i sapori più vicini allo street food di Thanasis. Quando sarà quasi mezzanotte, è il momento di locali come Booze CooperativaBaba Au Rum, Six DOGS, Faust, o di un altro tra gli infiniti di cui Atene abbonda! 

Sýntagma e Pláka

Sýntagma è il cuore dell’Atene moderna. Plateia Syntagmatos è il suo storico punto d’incontro e centro politico. I Giardini Nazionali sono un accogliente riparo dal caos urbano e a pochi passi si trova la zona di Pláka, che ha un fascino innegabile. La sue strette vie acciottolate si snodano tra edifici neoclassici restaurati o un po’ cadenti, piccoli ma affascinanti musei, chiese bizantine e taverne.  

Mattina: iniziate esplorando le principali aree dello shopping di Atene, a Pláka e Sýntagma. Dai creativi monili di Apriati, all’artigianato di Aidini, fino ai cosmetici naturali di Korres, c’è così tanto da vedere che vi girerà la testa. A pranzo scegliete la semplicità di una taverna come Paradosiako, o il cibo biologico di Pure Bliss.

Pomeriggio: dedicatelo ai molti molti musei sulla cultura greca, come il Museo Kanellopoulos o il Museo d’Arte Popolare Greca, o guardate il cambio della guardia e riparatevi dal caldo ai Giardini Nazionali.

Sera: cenate da Tzitzikas & Mermingas o da 2 Mazi (Nikis 48), poi passate da un locale all’altro a Sýntagma – da provare: Seven Jokers e Galaxy Bar. Per una serata meno movimentata, prendete posto al Cine Paris, il cinema all’aperto di Pláka.

Kolonáki

Kolonáki non è solo un quartiere, è anche un aggettivo: rappresenta alla perfezione le qualità dell’élite di Atene. Decisamente chic, Kolonáki è il posto dove la vecchia aristocrazia si mescola con i nuovi ricchi e con chi aspira a diventarlo. Deve il nome a una piccola e quasi insignificante colonna che si trova nella centrale Plateia Kolonakiou e si estende da Sýntagma alle pendici del Licabetto, e ospita caffè molto popolari, ristoranti, gallerie, musei, boutique e palazzi residenziali.

Mattino: osservate i passanti mentre vi fate corroborare dal caffè su Plateia Kolonakiou al vicino Filion. Fatto il pieno, puntate su tre dei migliori musei di Atene: il Museo d’Arte Cicladica, il Museo Bizantino e Cristiano e il Museo Benaki. Questa operazione potrebbe facilmente occupare l’intera giornata!

Pomeriggio: dopo un pranzo al Museo Benaki, con il suo caffè in terrazza, i freschi giardini e le vedute dell’Acropoli, iniziate l’esplorazione. Kolonáki è il tempio degli appassionati di moda, quindi se indossate solo abiti sartoriali eccovi a casa! Anche solo una visita da Fanourakis, il gioiellere stellare, o da Vassilis Zoulias, il grande sarto, regala emozioni. In alternativa, andate semplicemente a spasso, guardate le vetrine e osservate che cosa fanno gli ateniesi.

Sera: dedicatevi ancora ad osservare la gente da Kalamaki Kolonaki. Poi buttatevi nella mischia nei bar e club di Plateia Kolonakiou, Ploutarhou o della pedolale via Haritos, come il Mai Tai.

 

Exarhía

Vicino al Museo Archeologico Nazionale, la bohèmienne Exarhía vanta una cultura alternativa e una storia che la collocano a parte rispetto ai quartieri più modaioli di Atene. Certo, la buona borghesia è arrivata anche qui, soprattutto intorno alla collina di Strefi, ma il quartiere conserva un’identità giovane e anticonformista, grazie alla presenza di studenti, artisti, anarchici, attori, progressisti della vecchia guardia e intellettuali. Fantastici graffiti, onnipresenti, e occasionali scontri con la polizia evidenziano la sua anima rivoluzionaria.

Mattina: le magnifiche collezioni del Museo Archeologico Nazionale potrebbero tranquillamente occuparvi per tutta la giornata a girare per le sale tra inestimabili opere d’arte greca. Approfittatene per dare un’occhiata alle antiche iscrizioni del Museo di Epigrafia.

Pomeriggio: pranzate in uno dei grandi ristoranti di Exarhía, come Yiantes, dove troverete un ambiente molto curato, o Rozalia, che ha tariffe più popolari. Poi fate una passeggiata per ammirare la più moderna delle arti: fantastici murales realizzati con grande perizia.

Sera: riposate un po’ e poi fate le ore piccole tra i locali di Exarhía, consigliatissimi per qualche drink. Da Alexandrino berrete cocktail classici, da Tralala troverete una scena bohèmienne, da Blue Fox uno stile rétro. In alternativa, preparatevi ad ascoltare la musica dal vivo più in voga da Ginger Ale o a fare tardi con la rembetika da Kavouras.

 

Ceramico e Gazi

Come un faro, i camini rossi illuminati del vecchio gasometro di Atene vi portano a Gazi, uno dei migliori quartieri per la vita notturna qui in città. Ristoranti alla moda, bar e locali si alternano a musei, teatri e gallerie d’arte. Se andate a piedi da Thisio seguendo la pedonale via Emou, passerete di fronte al Ceramico, sito archeologico dell’antica Atene e oggi sede di un eccellente museo.

Mattina: iniziate dal Ceramico ed esplorate il vasto sito e i suoi elaborati monumenti la mattina presto, prima che faccia troppo caldo. Poi salite alle sale del museo per osservare sculture dal valore inestimabile. Il vicino Museo di Arte Islamica espone una collezione notevole e merita la visita.

Pomeriggio: pranzate in uno dei numerosi buoni ristoranti di Gazi, Kanella, una taverna rivisitata in stile contemporaneo dai piatti saporiti. Poi passate al museo d’arte moderna, il Museo Benaki filiale del Pireo, per ammirare l’eccellente collezione e concedetevi una sosta rigenerante nel suo spazioso caffè.

Sera: prima riposate un po’, così da poter stare svegli fino a tardi. Per la cena, portatevi a Gazi per una delle trattorie vicino alla piazza, o al Ceramico per provare il simpatico Athiri, con il suo cortile pieno di verde. Quando sarete pronti, iniziate a girare da un bar all’altro. Iniziate da Hoxton e guardate che succede.