Street food da leccarsi i baffi

Pesce appena pescato cucinato alla griglia tra le strade della Città di Pietra, Zanzibar. ©aimee1065/Getty Images

Pubblicità

Alcuni piatti sono più buoni se comprati da una bancarella: armatevi di forchetta o usate le mani e andate alla scoperta dei cibi da strada più buoni del mondo.

Chouriço, Goa, India 

Disposti in lunghe file a essiccare sotto il rovente sole indiano, i chouriços sono il gustoso omaggio culinario di Goa all’eredità portoghese. In tutto lo stato troverete queste specialità color rame presso carretti ambulanti dagli affascinanti nomi religiosi come ‘Virgin Mary Meats’ (Vergine Maria delle Carni) o ‘Ave Maria Sausages’ (Salsicce Ave Maria). 

Aromatizzati con chilli, aceto, aglio e zenzero, i chouriços si possono mangiare soli o accompagnati da soffici pao (panini rotondi tipici di Goa). Bagnate il tutto con uno o due bicchieri di ardente feni, un distillato locale di succo di anacardi o cocco dall’effetto soporifero. 

Bánh Mi, Ho Chi Minh City, Vietnam 

Banh Mi di maiale, tipico panino vietnamita.  ©AS Food studio/Shutterstock

Mentre girovagate tra le vestigia coloniali francesi di Ho Chi Minh City (Saigon), fate una pausa per uno spuntino a base della versione vietnamita del salad sandwich proposta dalle piccole bancarelle sulla strada – il paradisiaco bánh mi è un pezzo di storia sotto forma di baguette. 

Teneri bocconi di carne di maiale alla griglia all’interno di soffice pane francese con maionese vietnamita, carote e daikon (grandi ravanelli bianchi) sottaceto tagliati grossolanamente e una punta di salsa piccante contribuiscono a creare il miglior connubio culinario est-ovest che abbiate mai assaggiato. Chiudete gli occhi, date un morso e fate un viaggio nel tempo. 

Kushari, Cairo, Egitto 

Antichio caffè tra le strade del Cairo, Egitto. ©Emad Aljumah/Getty Images

Prima di salire a bordo di un treno notturno dal Cairo approvvigionatevi di una o due porzioni di kushari, un tipico piatto cairota che vi farà dormire sonni tranquilli anche nella più sconquassata cuccetta di seconda classe. 

Delicato misto di tagliolini, riso, lenticchie, ceci e cipolle fritte con una salsa di pomodoro e aglio, un buon kushari sta a un egiziano come una deliziosa tazza di tè sta a un inglese. Individuate un venditore, riconoscibile dalle grosse zuppiere di metallo, e gustatevi il piatto mentre ammirate la storia dell’Egitto scorrere al di fuori del finestrino del vostro comodo scompartimento. 

Sabich, Tel Aviv, Israele 

Menzionare insieme Israele e Iraq richiama subito alla mente immagini di militari e armi. Ma anche i più acerrimi nemici trovano un punto di accordo nella passione per l’iracheno sabich, lo snack vegetariano per il quale gli abitanti di Tel Aviv vanno pazzi: un semplice pane pita imbottito con un fantastico mix di melanzane alla griglia, uova sode, hummus, tahini, patate bollite, cetrioli e amba (salsa piccante con mango). 

Dirigetevi verso la centrale Frishman Street, dove troverete il miglior sabich della città, e gustatevelo in nome della pace in Medio Oriente. 

Spiedini, Città della Pietra, Zanzibar 

La Stone Town (città di pietra) di Zanzibar è molto suggestiva. Ogni sera, dopo il tramonto, si trasforma nella meta più gustosa di tutta l’isola. Fate rotta verso il mercato notturno dei Forodhani Gardens; qui decine di ambulanti allestiscono bancarelle dove griglieranno e friggeranno per tutta la sera. 

Fatevi strada tra lo spesso e fragrante fumo dei barbecue seguendo la luce tremolante delle lanterne a gas, sorseggiate un ghiacciato succo di zucchero di canna e scegliete ciò che più vi attira tra il pescato il giorno. Qualsiasi cosa in grado di nuotare qui finisce allo spiedo o alla griglia per essere poi venduta per pochi soldi. Per raggiungere i Forodhani Gardens seguite la costa fino all’Old Fort, il mercato si trova esattamente di fronte.

Patat Oorlog, Amsterdam, Paesi Bassi 

Quando gli abitanti di Amsterdam, la città dei canali e dei coffee shop, hanno un languorino, vanno a caccia dello snack più gustoso della città, il patat oorlog. La traduzione letterale ‘patatine in guerra’ rende l’idea di cosa ci sia dietro questo sostanzioso stuzzichino: croccanti patatine avvolte in un cono di carta e soffocate da un mix multicolore di maionese, ketchup e salsa satay di arachidi, il tutto ricoperto con una abbondante cucchiaiata di cipolle fritte. 

Non sarà un gesto sofisticato, ma leccarsi le dita è d’obbligo – poco importa che a stimolarvi l’appetito sia stato un Rembrandt o il quartiere a luci rosse. 

Poutine, Canada 

Poutine. cibo tradizionale canadese. ©GreenArt/Shutterstock

Non c’è spuntino migliore durante un viaggio attraverso il Canada di un veloce piatto di poutine. Nato in Qeubec negli anni ’50, questo pasticciato e delizioso mix di patatine fritte, ricotta fresca e denso sugo d’arrosto oggi viene considerato il comfort food per eccellenza in tutto il paese ed è un’icona nazionale. 

Mentre percorrete le panoramiche strade canadesi, fate una tappa quando vedete un furgone che vende poutine e assumete la vostra dose di carboidrati economici e ‘formaggiosi’ che vi aiuterà ad affrontare il lungo e serpeggiante percorso che vi aspetta. 

Cornish Pasties, Isole Scilly

La sfoglia ripiena di carne, il pranzo tipico dei minatori della Cornovaglia, è la protagonista della panetteria Moo Green a St Martin, una delle isole Scilly, 30 miglia al largo della Cornovaglia. Scegliete la vostra sfoglia a mezza luna ripiena di carne e patate: vi darà la giusta carica per andare alla scoperta delle tranquille stradine dell’isola. 

Se vi trovate nei paraggi in inverno, raggiungete l’isola in elicottero e partecipate a un corso di panetteria per imparare i segreti di questa sostanziosa ricetta, che la gente del posto chiama ‘oggy’. 

Arepas, Bogotá, Colombia 

Venditore di frutta, Bogotà, Colombia. ©Richard Silver Photo/Getty Images

Forse non è la più sana delle colazioni, ma per cominciare al meglio una giornata non c’è nulla come un piatto di arepas impilate. Queste pagnottine di mais con crosticina dorata ripiene di uova o formaggio e piene di burro sono un piccolo capolavoro. 

Compratene una porzione da un ambulante e accompagnatela con un bicchiere di cioccolata calda. All’inizio vi sentirete un po’ appesantiti, ma supererete le piovose mattine della città. I venditori di arepas si trovano ovunque e tutti servono prodotti genuini.