I 10 quartieri più interessanti da visitare adesso

Tramonto su Firenze, fotografia © TimArbaev (iStock)

Pubblicità

Quasi chiunque potrebbe elencare le città più belle al mondo. Posti come New York, Rio de Janeiro e Londra saranno sempre un'attrazione per i girovaghi di ogni dove, ma avere il polso dei trend che mantengono vitali ed eccitanti le città è un altro paio di maniche.

Abbiamo chiesto a veri esperti in tutto il mondo di svelare quali sono i quartieri assolutamente da non perdere. Alcuni di questi hanno guadagnato la propria fama anno dopo anno, altri sono nel pieno di una rapida trasformazione: per tutti è questo il momento di pianificare una visita. 

Borgo San Frediano, Firenze

Bar come il Mad Souls and Spirits hanno dato una scossa alla scena d'Oltrarno © Marina Denisova

Sulla riva meridionale dell'Arno il borgo di San Frediano anima di nuova vita la zona di Oltrarno, conosciuta più per i suoi artigiani che non per i nuovi trend hipster. Con le sue stradine e i piccoli marciapiedi, tutta l'azione è 'schiacciata' tra una delle porte cittadine superstiti e Borgo San Frediano. 

La prima fermata è da Gesto, dove gli interni decorati con materiali di recupero si mescolano perfettamente all'offerta di un gustoso menu che ricorda le tapas spagnole. Non lontano c'è quello che probabilmente è il miglior locale di Firenze per gustare un cocktail fatto ad arte: il Mad Souls & Spirits. La gente del posto si dà appuntamento in questo piccolo locale con i muri in mattoncini e le tubature di rame a vista per assaggiare i miscugli che nascono dalla fantasia di Neri Fantechi e Julian Biondi, alchimisti ormai di culto. Un po' più in giù di Borgo San Frediano, i cocktail fusion conquistano la scena in un angolo di Giappone che si chiama Kawaii e che per primo ha prposto in Italia l'autentica esperienza di un sake bar. 

Georgette Jupe è una scrittrice americana trasferita a Firenze. Su Twitter è @girlinflorence

Seongsu-dong, Seoul

Quest'area industriale sta scoprendo una nuova vita grazie all'arrivo di gallerie e ristoranti, come il Cafe Onion © Ki-Sun Lee

Se passeggiate per le vie di Seongsu-dong durante l'orario di ufficio potreste essere colpiti dall'intenso odore di inchiostro che arriva dalle stamperie che lavorano a pieno regime. Etichettato come il Williamsburg di Seoul, questo centro industriale deve la sua nuova reputazione al recupero di magazzini abbandonati e di edifici industriali trasformati in café, ristoranti, gallerie e negozi indipendenti.

Molti attribuiscono al Cafe Daelim Changgo, anche spazio per mostre, il merito di aver avviato questa rivoluzione nel 2011. Oggi sono almeno una dozzina i luoghi che da questo hanno tratto ispirazione, colonizzando il quartiere di ventenni modaioli muniti di reflex digitale. Sorseggiate una tazza di caffè monorigine al Cafe Onion o da Zagmachi o ancora da OR.ER e osserve il vecchio e il nuovo che si combinano per creare qualcosa di meraviglioso. 

Hahna Yoon vive a Seoul ed è editor bilingue e scrittrice. Su Twitter è @hahnay

Il Triangolo, Lisbona

Evitate la folla e fermatevi per un caffe al Triangolo di Lisbona © Hello Kristof

Annidato tra i quartieri di Chiado, Santos e il parlamento, sul percorso dell'iconico tram 28, c'è 'Il triangolo', un agglomerato di tre strade. Attratta dagli affitti bassi, qui ha trovato casa una nuova generazione di creativi e imprenditori che ha riadattato i decadenti edifici dalle facciate piastrellate di rua Poço dos Negros, São Bento and Gaivotas avviando nuove attività accanto a ristoranti a gestione familiare e negozi di antiquariato un po' polverosi.

L'originalità e la quasi assenza di turisti sono il motivo di maggior richiamo. Passate un pomeriggio tra negozi specializzati, come la libreria di viaggi Palavra de Viajante o la Companhia Portugueza do Chá per acquistare miscele personalizzate di tè; entrate nella gastronomia boutique Mercearia Poço dos Negros e fermatevi a bere qualcosa al The Mill che di giorno è un Cafe e di sera diventa un wine bar oppure da Hello, Kristof, un Cafe in stile scandinavo.

Sandra Henriques Gajjar vive a Lisbona ed è una travel blogger. Su Twitter è @TripprBlog

Vesterbro, Copenhagen

I viaggiatori affamati non possono fare a meno di visitare Vesterbro © Annapurna Mellor / Getty Images

Grazie alla sua storia variopinta e nonostante la popolarità crescente, il quartiere più in di Copenhagen è riuscito a rimanere quasi intatto. È nel vibrante Vesterbro che si trovano alcuni esempi della migliore street art della città, negozi indipendenti, mercatini, bar e ristoranti. 

Veniteci affamati: Vesterbro offre dei brunch molto ricchi in Cafe come Mad & Kaffe e Granola, mentre Kødbyen, il vecchio distretto del confezionamento della carne, e il nuovissimo WestMarket sono pieni di alternative per foodie. Sete? Gli amanti della birra artigianale possono degustarla direttamente nei birrifici locali: il Mikkeler a il Fermentoren. 

Caroline Hadamitzky vive a Copenhagen ed è autrice di guide di viaggio oltre che guida turistica. Su Twitter è @lovelivetravel

Business Bay, Dubai

C'è del movimento nei pressi di Business Bay a Dubai © Enyo Manzano Photography / Getty Images

Non fate caso al nome così poco accattivante: Business Bay sta diventando uno dei quartieri più eccitanti di Dubai. Quella che era una distesa senz'anima di edifici per uffici mai completati (una delle conseguenze della crisi finanziaria globale del 2008) oggi sta diventando una destinazione sempre più piacevole.

Confinante con la scintillante Downtown a nord e attraversata dal canale di Dubai, Business Bay offre una passeggiata di 12 km da cui osservare i traghetti che a sud vanno verso la Marina e a Nord portano al quartiere storico di Al Fahidi. Le cose potranno solo migliorare nei prossimi anni, quando parchi, aree gioco, marine, hotel, Café e boutiques spunteranno lungo il canale. Lontano dall'acqua, Bay Avenue con i suoi ristorantini informali, i parchi e il mercato settimanale dei contadini (che si tiene nei mesi invernali) è il cuore di questa vivace comunità.

Lara Brunt vive a Dubai ed è una giornalista di viaggi e lifestyle. Su Twitter è @larabrunt

Damansara, Kuala Lumpur

Prenotate un tavolo in uno dei ristoranti più cool di Damansara Heights © Image courtesy of Sitka / Studio

Bangsar potrà essere più conosciuto, ma è a Damansara che c'è un vero fermento. Questo quartiere ospita le strade più ricche di Kuala Lumpur e ha mantenuto la sua personalità nonostante il recente rinnovamento. 

Dopo qualche ritocco, Jalan Batai si è trasformata in una strada molto vissuta dalla comunità e ben fornita di ristorantini e comfort cosmopoliti. La strada non è ancora punto di referimento per i ragazzi più cool di KL, ma l'offerta di ristoranti 'dal contadino alla tavola' come il Sitka, il Ben's Independent Grocer e l'elegante Torii yakitori and whiskey bar merita attenzione. Passate da Plaza Damansara, un'area ancora un po' malconcia dove iniziano a comparire sempre più negozi scintillanti e ristoranti come il café-bakery Huckleberry, il Skullduggery (uno 'speakeasy') e il Flour, un ristorante indiano che serve un biryani da urlo.

Kong Wai Yeng è uno scrittore e vive a Kuala Lumpur. Su Twitter è @wyeng

Sunset Park, New York City

Sunset Park offre vedute spettacolari dello skyline di Manhattan © Barry Winiker / Getty Images

Il successo di Industry City, colosso dell'arte e del commercio, ha acceso i riflettori su uno dei più intriganti quartieri di Brooklyn, anche se ancora fuori dai radar. Situato tra Park Slope a sud e il cimitero di Green-Wood a ovest, Sunset Park ospita un esaltante mix di culture e tradizioni. Nella parte orientale c'è la Chinatown di Brooklyn, con la sua infilata di ristoranti, negozi che vendono bubble tea e boutique. In quella occidentale risiede una numerosa comunità latinoamericana: non mancano bar simpatici, per non parlare dello storico Bowling di Melody Lanes. Al centro di tutto c'è proprio Sunset Park: posizionato su una delle colline più alte di Brooklyn, alla gente del posto e ai visitatori che si assiepano qui nelle sere d'estate offre spettacolari vedute di Lower Manhattan.

Robert Balkovich è uno scrittore nonché amante dei cocktail a base di gin. Su Twitter è @robertbalkovich

Botafogo, Rio de Janeiro

Unitevi ai creativi e ai festaioli che si danno appuntamento a Botafogo © Moskow / Getty Images

Gli affitti contenuti e un'eccellente rete di trasporti hanno contribuito a far diventare Botafogo uno dei quartieri più interessanti di Rio. Giovani e talentuosi chef, accanto a imprenditori e creativi, sono il motore dietro la crescita di una sempre più vivace vita notturna. Accanto a istituzioni come Bukowski e Comuna fanno la loro comparsa nuovi e stravaganti concept bar con spazi multifunzionali.

Bar gastronomici come il CoLAB a il Void House of Food puntano a un crescente interesse verso la cucina internazionale invitando chef che servono piatti che vanno dai ramen allo street food di Trinidad. Altri posti molto popolari sono il WineHouse e il South Ferro che, rispettivamente, servono calici di vini eccellenti a prezzi convenienti e pizza gourmet al taglio. 

Tom Le Mesurier scrive di viaggi e gastronomia e ha fondato Eat Rio Food Tours. Su Twitter è @eatrio_net

Frelard, Seattle

C'è una nuova area emergente tra due quartieri © Geoffrey Smith

Proprio tra due dei quartieri più popolari di Seattle sta lentamente prendendo forma una nuova comunità. Il nome Frelard è stato coniato da Ethan Stowell, ristoratore e gestore del Frelard Pizza Company, e nasce dall'unione dei nomi dei quartieri di cui fa parte quest'area: Fre(mont) e (Bal)lard.

La gente che gironzola tra Fremont Troll e Chittenden Locks adesso può fermarsi e testare uno dei ristoranti, dei bar o birrifici della zona. Il Leary Traveler accoglie gli avventori in cerca di un cocktail o in alternativa di una classica brown ale o IPA prodotta da uno dei birrifici più vecchi di Seattle: Hale's Ales. Non manca la scelta in fatto di cibo e oltre alla già citata Frelard Pizza Company ci sono i menu ad alto tasso proteico di Giddy Up Burgers. È il luogo ideale per rifocillarsi e ricaricarsi dopo una giornata passata tra le attrazioni turistiche di Seattle. 

Valerie Stimac vive a Seattle, è editor e scrive di viaggi. Su Twitter è @Valerie_Valise

Tooting, London

Sarà Tooting la prossima grande novità di Londra? © Will Jones / Lonely Planet

Tooting sta diventando un quartiere più che intrigante e senza perdere un grammo del suo charme. È vicinissimo ai piacevoli, ma un po' più prevedibili, Wimbledon, Earlsfield e Balham ed è tutta un'altra storia: originale e multiculturale. La strada principale si allunga tra due stazioni della Tube ed è uno dei migliori 'corridi di curry' del paese e ospita dei fantastici ristoranti sud asiatici, come Dosa n Chutny e Apollo Banana Leaf. 

Lo shopping migliore potete trovarlo all'interno dell'eclettico Tooting Market mentre la lista di bar include The Castle, The Antelope e The Little Bar. Il Tooting Commons offre uno spazio verde di oltre 200 acri e il Tooting Bec Lido: la più grande piscina del regno Unito.

Will Jones vive a Londra ed è uno scrittore. Su twitter è @willjackjones